La Postura per l’atleta moderno è fondamentale

La postura per l’atleta moderno, giovane o senior che sia, professionista o abile dilettante è diventata fondamentale.

Postura per atleta

La postura è regolata da meccanismi nervosi, il primo è un meccanismo anticipatore, il secondo è un meccanismo correttore del movimento volontario.
Le risposte anticipatorie sono evocate dal sistema nervoso centrale prima dell’inizio dei movimenti, modificate dall’esperienza e la loro efficacia migliora con l’esercizio; le risposte compensatorie sono evocate da stimoli a seguito della perdita di equilibrio o qualsivoglia altra perturbazione che subisce il nostro corpo.
Quindi, la presa di coscienza, in forma statica e poi dinamica, dello schema posturale deve rappresentare un lavoro decisivo per la formazione del giovane.
Per esempio, nel calcio che è uno sport essenzialmente asimmetrico e privilegia l’utilizzo degli arti inferiori determina una postura caratteristica in considerazione della tecnica specifica e dei carichi di lavoro a cui sono sottoposti.
La postura è influenzata da diversi fattori, come il grado di mobilità articolare e di estendibilità muscolare.
Così, ad esempio, il ginocchio varo rappresenta un’evidente caratteristica posturale con ripercussioni a livello del bacino e del rachide.
Si rende necessario valutare e migliorare la postura dell’atleta.
Un aggiustamento posturale deve prevedere quindi, una perfetta integrazione delle informazioni proprio ed esterocettive ed in particolare di quelle visive ed uditive, indispensabili per il mantenimento ed il ripristino dell’equilibrio.
L’organo preposto al mantenimento dell’equilibrio è il sistema vestibolare, dislocato all’interno dell’orecchio.
Formato da tre canali semicircolari e dagli organi otolitici (utricolo e sacculo), i primi sono stimolati dalle accelerazioni angolari, i secondi da quelle lineari.
Le catene muscolari invece, rappresentano circuiti di continuità di direzione e di piano attraverso i quali si propagano le forze organizzatrici del corpo, ricordandoci sempre che il muscolo è un mero effettore alla fine della catena organizzata da processi mentali complessi e meno complessi.

Valutare e migliorare la postura

Quindi, l’organizzazione e la coordinazione delle diverse catene muscolari governa la dinamica di movimento e l’equilibrio posturale.
Un aspetto fondamentale nella postura è anche quello emozionale, infatti le emozioni danno informazioni al sistema nervoso centrale che mette in atto azioni per rispondere.
Emozione è la componente che in circostanze estreme caratterizza le reazioni naturali del comportamento umano contro situazioni esterne e quindi modifica la postura
Valutare la postura diventa quindi importantissimo ed è possibile effettuarlo anche per chi non ha esperti: sicuramente sarebbe corretto avere una valutazione da un fisiatra o un posturologo o da un tecnico posturometrista ma anche utilizzando alcuni software è possibile avere indicazioni ed allarmi.
Un esempio è data dai software che effettuano rilevazioni stabilometriche come ad esempio Stabilo Pro o software che integrano i dati e permettono di effettuare screening posturali come Test Pro.
Per ulteriori informazioni info@proereal.it